NonSoloTecnicaFotografica

Le basi di uno scatto consapevole

  • HomePagina iniziale
  • AutoreMi presento

    Autore

    Sono Alessandro Pinna, 41 anni: sposato con Stefania e con un figlio, Samuele.
    Da molti anni mi interesso di fotografia, per piacere e divertimento.
    Nel tempo sono rimasto affascinato dalla visione di bellissime foto di vari autori e, curioso della loro realizzazione, ho approfondito vari aspetti del mondo fotografico: dal linguaggio alla composizione, dalla tecnica alla strumentazione.
    Su questo sito cercherò di fissare alcuni concetti base, nella maniera più semplice e chiara possibile: l'obiettivo è fornire i primi rudimenti ad un "giovane" fotografo che vuole iniziare a scattare con maggiore consapevolezza.

    Buona lettura.

  • FinalitàScopo del sito

    Finalità

    "Devi essere un perfetto tecnico per esprimere te stesso come vuoi.
    Allora puoi scordarti della tecnica
    ". Questa citazione riassume la finalità di questo sito: spiegare con estrema semplicità la parte tecnica e compositiva che è alla base di un’immagine fotografica, riuscire a farla propria ed utilizzare con consapevolezza la fotografia come un personale strumento espressivo.
    Questi concetti potranno essere utilizzati da chi si avvicina per la prima volta con passione al mondo della fotografia, da chi vuole essere consapevole delle proprie scelte e non limitarsi a premere il pulsante di scatto.
    Il tutto vuole essere un punto di partenza per un proprio percorso di approfondimento e conoscenza.

    Continua a leggere

  • ArgomentiDi cosa parliamo
    • Riflessioni fotografiche

      Riflessioni fotografiche

      Riflessioni e pensieri sul mondo della fotografia: appunti ed idee sparse.

      Vai agli articoli

    • Attrezzatura fotografica

      Attrezzatura fotografica

      Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e quando impiegare gli strumenti e le varie funzionalità, per disporne al momento giusto.

      Vai agli articoli

    • Esposizione fotografica

      Esposizione Fotografica

      L'esposizione di una fotografia è la miscela di tre soli ingredienti: Diaframma, Tempi ed ISO: e sapere quello che si vuole ottenere da una immagine. Cercheremo di aumentare la propria consapevolezza al momento dello scatto, parlando di esposizione consapevole.

      Vai agli articoli

    • Composizione fotografica

      Composizione fotografica

      Gli elementi presenti nell’inquadratura e le loro relazioni veicolano il messaggio che vogliamo raccontare attraverso una fotografia. Cercheremo di comprendere la composizione fotografica: osservare ed inquadrare, conoscendo le regole e gli elementi compositivi.

      Vai agli articoli

    • Elaborazione digitale

      Elaborazione digitale

      Sezione dedicata alla elaborazione digitale: cosa si intende per elaborazione? Dopo lo scatto sviluppiamo, elaboriamo le nostre foto nella camera chiara, seguendo un corretto flusso di lavoro

      Vai agli articoli

    • Lightroom

      Lightroom

      Lightroom è un programma che permette l’ archiviazione, la catalogazione, l’elaborazione, la stampa, la creazione di gallerie web, le presentazioni delle fotografie. E concentra l’attenzione del fotografo sullo scopo principale: la fotografia.

      Vai agli articoli

    • Il Flash

      Il Flash

      Il flash è una semplice e potente fonte di luce ausiliaria che permette di avere sempre a disposizione una elevata potenza di illuminazione: può essere quindi molto utile: conosciamolo bene, per usarlo al meglio e per sfruttarne a pieno le sue potenzialità.

      Vai agli articoli

    • Stampare le foto

      Stampare le fotografie

      Non lasciamo i nostri scatti a "prendere polvere" negli hard disk, ma ricordiamoci di stampare come un tempo le nostre fotografie: I nostri ricordi, le emozioni del viaggio, la nostra voglia di raccontare si materializzavano nelle foto da toccare, guardare, odorare, stringere al cuore.
      Una serie di articoli affrontano il tema della stampa, da ottenere anche e soprattutto "a casa" e con il migliore risultato.

      Vai agli articoli

  • BibliografiaUtili letture
  • Galleria FotograficaAlcuni scatti

Flash - Numero Guida

Dopo aver letto Flash: introduzione e Flash: caratteristiche entriamo più in profondità all'argomento, andando a conoscere due aspetti essenziali che regolano il funzionamento del falsh: il Numero Guida ed il Tempo di Sincornizzazione. Iniziamo dal primo.

La potenza del lampo del flash è espressa dal Numero Guida e serve per calcolare la distanza giusta tra luce e soggetto, nonché l'apertura del diaframma da utilizzare, secondo le formule riportate di seguito.

numero-guida-1

Per esporre in modo corretto un soggetto posto ad una certa distanza, il diaframma da impostare è il rapporto tra numero guida e distanza. A parità di distanza più il diaframma è chiuso e più il flash deve essere potente per ottenere la giusta esposizione. 

numero-guida-2Se scattiamo un soggetto con un dato diaframma la distanza corretta a cui fotografarlo è il rapporto tra numero guida e diaframma. A parità di diaframma più il flash è potente e maggiore può essere la distanza tra flash e soggetto.

Il Numero Guida è indicato nel nome del modello del flash, a fianco del nome del produttore e con qualche aggiunta: ad esempio NG= 58 per il Canon 580 EX II.

Il Numero Guida del flash è riferito alla sensibilità della pellicola di ISO 100, con distanze espresse in metri (negli Stati Uniti il riferimento è 400 ISO e distanze in piedi). Se variamo gli ISO varia di conseguenza la quantità di luce necessaria alla corretta esposizione del soggetto: ad ogni raddoppio degli ISO la quantità di luce andrà divisa per la radice quadrata di 2, ovvero il valore del diaframma andrà moltiplicato per la radice quadrata di 2 (ossia 1.4). Ad esempio se abbiamo impostato un diaframma f/5.6 a 100 ISO, a parità di illuminazione dovremo impostare:
a 200ISO f/5.6 x 1.4 = f/8
a 400ISO f/8 x 1.4 = f/11
e così via...

Stesso discorso può essere fatto per la variazione del numero guida al variare degli ISO, ossia ad ogni incremento di sensibilità il NG va moltiplicato per 1,4. Ad esempio se ad 100 ISO ho un NG 15:
a 200 ISO avrò NG 15 x 1.4 = NG reale 21
a 400 ISO avrò NG 21 x 1.4 = NG reale 30
a 800 ISO avrò NG 30 x 1.4 = NG reale 42
a 1600 ISO avrò NG 42 x 1.4 = NG reale 60
E quindi un flash con NG 15 a 100 ISO può considerarsi come un flash con NG 60 a 1600 ISO.

Alcuni schemi per comprende meglio.

flash-numero guida-esempio1

Se fotografiamo a 100 ISO un soggetto posto a 10 metri con un flash  NG 30, il diaframma necessario per illuminare correttamente il soggetto sarà f/2.8.
Se fotografiamo lo stesso soggetto impostando una sensibilità 400 ISO un soggetto posto a 10 metri con un flash  NG 30, il diaframma necessario per illuminare correttamente il soggetto sarà f/5.6: per non sovraesporre il soggetto dovremo quindi chiudere il diaframma da f/2.8  a f/5.6.

flash-numero guida-esempio2
Se fotografiamo un soggetto a distanza 20m, a 100 ISO, con un obiettivo ad apertura massima  f/2.8, avremo bisogno di un flash con almeno un numero guida 56 per illuminare correttamente il soggetto.
 
  
 
 
flash-numero guida-esempio3Se abbiamo un flash con NG 45 e scattiamo a 400 ISO con obiettivo di apertura massima f/2.8, la massima distanza per riprendere un soggetto correttamente illuminato è di 32m.
 
 
 
 

 

 

  

 

In realtà, nei flash di recente produzione, i calcoli riportati negli esempi in alto sono effettuati in modo automatico: viene fornito direttamente il valore della distanza ovvero la conoscenza della coppia tempi/diaframmi più opportuna. Conoscere il significato del numero guida permette però di sapere cosa c’è alla base degli automatismi e conoscere meglio il funzionamento del flash.

numero-guida-automatismo

 

Un ultima considerazione. Il Numero Guida rappresenta la potenza della lampada, ma tiene conto anche da come viene guidata la luce emessa. Se la parabola concentra la luce su una zona più stretta il soggetto fotografato sarà maggiormente illuminato rispetto ad una concentrazione della luce su una zona più ampia. 

La lampada dei flash moderni hanno una parabola mobile, per permettere una diversa copertura al variare della focale. Il Numero Guida dichiarato viene sempre espresso per una focale di 50 mm: impostando la parabola per una focale di 28 mm la luce risultante sarà minore, dovendo essere meno concentrata, mentre avverrà l'inverso per una focale di 100 mm. 

Commenti   

+1 # DomBalDomenico 2014-01-04 12:05
Ciao ragazzi,
vorrei farvi presente che l'esempio riportato contiene dei valori errati, in particolare:

a 200 ISO avrò NG 15 x 1.4 = NG reale 21
a 400 ISO avrò NG 21 x 1.4 = NG reale 30
a 800 ISO avrò NG 21 x 1.4 = NG reale 42
a 1600 ISO avrò NG 21 x 1.4 = NG reale 60

dovrebbe invece essere :

a 200 ISO avrò NG 15 x 1.4 = NG reale 21
a 400 ISO avrò NG 21 x 1.4 = NG reale 30
a 800 ISO avrò NG 30 x 1.4 = NG reale 42
a 1600 ISO avrò NG 42 x 1.4 = NG reale 60

A parte ciò complimenti per il sito e per l'articolo! ;-)
Rispondi
+1 # RE: DomBalAlessandro - ADMIN 2014-01-16 11:15
Grazie Domenico per la segnalazione: ho appena provveduto alla modifica da te indicata.

E grazie anche per i complimenti per il sito: spero tu abbia trovato altre piacevoli letture.
Rispondi
-1 # flashfranco 2014-07-06 21:07
Ciao.
Sono un profano della materia.
Ho un dubbio primo esempio, quello dell'albero posto a 10 metri con la variazione degli ISO da 100 a 400.
In questo caso, aumentando gli ISO, aumenta teoricamente anche la potenza del flash? Impostando l'apertura del diaframma come in esempio si rischia di ottenere una sovraesposizion e? Grazie.
Rispondi
+1 # flashfranco 2014-07-06 21:10
Scusami ho letto meglio.
Faccio ancora confusione con le aperture.
Grazie ancora
Rispondi
Home Flash Flash - Numero Guida